Sondaggi geoelettrici

Sondaggi Elettrici e Tomografia elettrica
La geoelettrica comprende una serie di metodi d'indagine del sottosuolo che consentono di caratterizzare i terreni indagati sulla base della loro resistività elettrica, mediante misure eseguite in superficie. La determinazione della distribuzione della resistività elettrica nel sottosuolo permette di ottenere informazioni sul contenuto di acqua e sulla porosità della roccia. L'acquisizione dei dati si ottiene attraverso l’uso di configurazioni elettrodiche convenzionali, variabili a seconda degli obiettivi dell'indagine. Il metodo classico prevede l’esecuzione di sondaggi elettrici verticali (SEV) o di sondaggi elettrici orizzontali (SEO), che permettono l'elaborazione di modelli di resistività monodimensionali, per valutare le valutazioni di resistività, verticali o laterali, delle litologie. L'utilizzo di appropriati programmi di inversione (tomografia elettrica) consente l'elaborazione di sezioni di resistività in grado di riprodurre accuratamente le variazioni di resistività nel sottosuolo.

Alcune applicazioni:

  • Ubicazione di cavità e gallerie interrate
  • Sezioni di dettaglio del terreno
  • individuazione di rifiuti e bidoni interrati
  • studio di acquiferi e protezione dell’inquinamento
  • contaminazione delle acque sotterranee
  • ricerca e mappatura di strutture sepolte
  • individuazione di sepolture
  • valutazione dell’estensione di discariche abusive
  • localizzazione di livelli potenzialmente acquiferi
  • Strumentazione per sondaggi elettrici
  • georesistivimetro;
  • software dedicato per l’elaborazione e l’interpretazione dei dati.